blankCome tutti ben sappiamo, a partire dai primi mesi del 2020 noi Italiani potremo finalmente mettere le mani sulla nuova rete ultra veloce 5G. Nel prossimo anno, infatti, l’Italia, e contemporaneamente anche altri paesi in tutto il mondo, accenderà ufficialmente le primissime celle 5G. Allo stesso tempo, però, dall’altra parte del globo già si pensa al futuro. Stando a quanto dichiarato da Ren Zhengfei, CEO e fondatore di Huawei, il colosso cinese sarebbe già impegnato in una prima fase di ricerca relativa alla rete del futuro: il 6G.

A quanto pare, considerata la velocità con cui Huawei è passata allo studio del 6G, forse quest’ultima ha fra le mani alcune tecnologie innovative e futuristiche che necessitano velocità ancor più elevate. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Huawei e 6G: avviata ufficialmente una prima fase di ricerca

Da anni, ormai, tutte le tecnologie studiate e sfornate da Huawei sono state progettate all’interno dei Huawei Labs, dei veri e propri centri dedicati allo sviluppo di innovazioni. Stando a quanto riportato dal colosso Cinese, infatti, lo studio della nuova rete 6G è stato avviato all’interno dei Huawei Labs Canadesi. È buona norma, però, ricordare che attualmente la nuova rete si trova in una fase completamente teorica poiché di concreto non esiste ancora nulla

La situazione è quindi pressoché analoga a quella creatasi durante lo studio della nuova rete 5G che, al tempo, durò oltre 10 anni. In questo caso, però, Huawei ha ricevuto un cospicuo investimento di oltre 2 miliardi di dollari che, molto probabilmente, potrebbe fortemente accelerare l’intero processo. 

Nonostante Huawei sia già al lavoro sul 6G, però, molto probabilmente non vedremo questa tecnologia sui nostri smartphone prima del 2028.