3g spento

Ormai è risaputo. Il 2020 sarà un’anno pieno di innovazioni tant’è che nel nostro paese, ma anche nel resto del mondo, verranno introdotte delle novità interessanti e allo stesso tempo molto particolari, tra cui ad esempio il tanto atteso 5G.  

Non a caso negli ultimi mesi il web si è completamente riempito di notizie relative al nuovo standard che, di fatto, ne hanno mostrato sia i pregi che i difetti. In particolare, però, molto spesso le notizie hanno toccato anche temi collegati in maniera indiretta al 5G come ad esempio l’Intelligenza Artificiale e l’Internet of Things. Ovviamente, trattandosi di una novità su scala mondiale, non sono mancate le fake news che, in questo caso, hanno puntato principalmente ai possibili danni sulla salute arrecati dal nuovo standard. Scopriamo quindi di seguito ulteriori dettagli.

Novità 5G: dal prossimo anno l’addio definitivo al 3G

Nelle ultime settimane è circolata online una cattiva notizia legata all’imminente addio definitivo dell’ormai vecchio, ma tanto apprezzato, standard di rete 3G. Stando a quanto riscontrato da una prima analisi, quindi, pare che gli operatori telefonici Tim, Wind, Tre, Vodafone e Iliad siano intenzionati a spegnere le antenne 3G per ridurre i livelli di radiazioni. 

In realtà, però, il motivo dello spegnimento del 3G è totalmente un’altro. Negli ultimi 2 anni, infatti, gli operatori telefonici sopra citati hanno investito svariati milioni di euro per la realizzazione della nuova rete 5G. Ad oggi, quindi, l’obbiettivo principale di ogni provider è quello di recuperare le cifre spese e, di fatto, lo spegnimento del 3G rappresenta un  valida soluzione per abbattere i costi. 

Attualmente, però, non c’è nulla di cui preoccuparsi. Lo spegnimento del 3G, infatti, avverrà in un periodo abbastanza lungo così da permettere a tutti gli utenti di adattarsi.