fortnite-capitolo-2-stagione-1-download-gratis-dicembre-feste

Al suo lancio su Android l’anno scorso, Fortnite non poteva essere installato semplicemente andando sul Play Store. Il gioco battle royale deve essere scaricato direttamente da Epic Games e poi scaricato.

Tra le altre ragioni, ciò è dovuto al fatto che lo sviluppatore non vuole dare a Google la sua percentuale obbligatoria del 30% sulle entrate degli acquisti in-app. Epic Games ora spera in un’eccezione speciale a quella regola.

Secondo fonti che hanno familiarità con la questione, Epic sta pianificando di implementare su Fortnite tramite Google l’opportunità tramite il Play Store di acquistare add-on. Se Google dovesse approvare la modifica, sarebbe più o meno identica alla versione che i giocatori  utilizzano oggi.

In particolare, il gioco sfrutterà l’attuale sistema di acquisto di Epic per far acquistare i “V-Bucks”. Lla valuta virtuale che consente ai giocatori di acquisire abiti, picconi, involucri, emote e molto altro. Ciò però implica l’immissione diretta di una carta di credito o debito e consente allo sviluppatore Fortnite di guadagnare il 100% dalla transazione.

Ma Epic usando il proprio metodo di pagamento violerebbe la politica di Google secondo cui “gli sviluppatori che offrono prodotti all’interno di un gioco scaricato su Google Play, devono utilizzare la fatturazione in-app di Google Play come metodo di pagamento”. Su dispositivo mobile, l’App Store di Apple e Google Play storicamente hanno subito un taglio del 30% sugli acquisti come “commissioni operative”, sebbene entrambi negli ultimi anni abbiano acquisito e stanno prendendo una porzione minore di abbonamenti.

Non è chiaro se Google concederà un’eccezione a Epic in quanto ciò potrebbe indurre altri servizi di terze parti a richiedere esenzioni simili. In media, Google impiega tre giorni per rivedere le app di nuovi sviluppatori.

 

La risposta finale

Ed è proprio quando tutto sembrava perso che in una dichiarazione di questa sera, Google suggerisce che non fornirà un’eccezione a Epic e Fornite poiché si aspetta che tutti gli sviluppatori “partecipino alle stesse condizioni”. La società difende inoltre che il 30% di riduzione consenta di reinvestire nella propria piattaforma e strumenti.

“Android consente a più app store e scelte per gli sviluppatori di distribuire app. Google Play ha un modello di business e una politica di fatturazione che ci consentono di investire nella nostra piattaforma e strumenti per aiutare gli sviluppatori a costruire attività di successo mantenendo al sicuro gli utenti. Diamo il benvenuto a tutti gli sviluppatori che riconoscono il valore di Google Play e ci aspettiamo che partecipino alle stesse condizioni degli altri sviluppatori “.