samsung-apple-smartphone-radiazioni

Il discorso che gli smartphone emettono radiazioni pericolose in grado persino di causare il cancro è vecchio di anni, di decine di anni. Ce lo tiriamo dietro da quando quest’ultimi ancora non esistevano, una paura nata con i primi cellulari; in realtà ancora prima se pensiamo alle antenne. In ogni caso, di studi in merito ce ne sono stati centinaia e centinaia, alcuni più autorevoli di altri e i risultati sono sempre stati discordanti. Il risultato di alcuni di questi hanno colpito alcuni produttori. Proprio per tale motivo, ecco Samsung e Apple sono stati portati in tribunale proprio per un rilascio eccessivo di radiazioni da parte di alcuni modelli.

 

Samsung, Apple e le radiazioni

Diversi mesi il Chicago Tribune aveva pubblicato il resoconto di un’indagine che aveva portato alla luce il fatto che gli iPhone 7 e i Galaxy S8 emettevano radiazioni oltre il consentito; il realtà i modelli che hanno superato la soglia imposta dal governo statunitense sono stati ben 11, ma questi due erano i più significativi. La giustizia non ha aspettato fin troppo ed ecco che uno studio legale per i diritti dei consumatori ha dato vita a due azioni legali separate contro entrambi i colossi, Samsung e Apple. È stata presentata giovedì presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti.

La dichiarazione dello studio legale:

Gli smartphone Apple e Samsung hanno cambiato il modo in cui viviamo. Adulti, adolescenti e bambini si svegliano per controllare la posta elettronica o giocare e fare esercizi di lavoro o scolastici sui loro smartphone. Portano questi dispositivi in ​​tasca tutto il giorno e cadono letteralmente addormentato con loro nei loro letti. I produttori hanno detto ai consumatori che questo era sicuro, quindi sapevamo che era importante testare l’esposizione alle radiazioni RF e vedere se questo era vero. Non è vero. I risultati indipendenti confermano che i livelli di radiazione RF sono ben al di sopra del limite di esposizione federale, a volte superandolo del 500 percento quando i telefoni sono utilizzati nel modo in cui Apple e Samsung ci incoraggiano. I consumatori meritano di conoscere la verità.”