Amazon Web Services ha debuttato una tastiera chiamata DeepComposer questa settimana, sostenendo che è “la prima tastiera musicale al mondo alimentata dall’IA generativa”. Ha 32 tasti, costa 99 dollari e si collega a un’interfaccia software che utilizza l’apprendimento automatico e il cloud computing per generare musica basata su ciò che suoni.

Non è chiaro per chi sia questo, e molti hanno attaccato al fatto che la musica che crea suona semplicemente male. Sembra un prodotto di consumo e Amazon ha usato una presentazione esagerata per pubblicizzarlo, che includeva quella che AWS sosteneva essere “la prima collaborazione acustica di pop umano ibrido con intelligenza artificiale”.

 

Amazon: i grattacapi che stanno sorgendo intorno a questa nuova tastiera

Ma in realtà, la tastiera è pensata per essere uno strumento iniziale per gli sviluppatori che vogliono imparare la musica e l’apprendimento automatico. Il dispositivo è la più recente offerta di AWS per gli sviluppatori per familiarizzare con gli aspetti dell’apprendimento automatico, seguendo AWS DeepRacer (un’auto RC) e AWS DeepLens (una fotocamera).

DeepComposer non è pensato per creare musica a scopo di intrattenimento o per spingere lo stato dell’IA generativa. Non sarà mai commercializzato per aspiranti musicisti.

Anche se Amazon afferma che DeepComposer è per gli sviluppatori, molti sviluppatori non capiscono cosa farne. Secondo Amazon, poiché questo è per gli sviluppatori, “non è necessaria alcuna conoscenza musicale”. Ma usa ancora i termini della teoria musicale tradizionale ed è incentrato su una cosa che richiede moltissimo un minimo di conoscenza musicale: una tastiera.

La tastiera fisica non è nemmeno necessaria poiché il software DeepComposer ha una tastiera virtuale. E AWS non ha sviluppato o progettato la tastiera. È un controller MIDI della società taiwanese Midiplus che esiste da anni. Amazon la vende per 46 dollari. Sono uguali. La versione più costosa di Amazon non è “alimentata dall’intelligenza artificiale”, ma invia MIDI al software collegato al cloud. Qualsiasi tastiera MIDI funzionerebbe tecnicamente.

È interessante vedere un’azienda grande come Amazon entrare nel mondo della democratizzazione della creazione musicale, anche se questa prima iterazione ha in qualche modo mancato il segno. Chissà, forse è un gioco lungo per far conoscere più agli sviluppatori la piattaforma di apprendimento automatico di AWS, SageMaker.

Articolo precedenteTikTok accusata di discriminazione, ecco per quale motivo
Articolo successivoPersonalizzalo.it: crea la tua cover senza porre freni alla fantasia
Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.