Wind

A partire dallo scorso 2 dicembre 2019 l’operatore Wind ha dato il via a dei nuovi costi tariffari per tutti i clienti che ricaricheranno in ritardo. Le condizioni in questione sono state ampiamente annunciate anche nei mesi precedenti.

Si parla più precisamente, dei costi che gli utenti dovranno sostenere in caso di ricarica in ritardo. L’operatore si è anche adeguato per il roaming UE. Scopriamo insieme tutti i dettagli delle nuove condizioni.

 

Wind: nuovi costi per chi ricarica in ritardo

D’ora in poi ricarica in ritardo per coprire il rinnovo della propria offerta Wind, comporterà dei nuovi costi. Più precisamente stiamo parlando di 0.99 centesimi di euro per i primi due giorni. Dopo i primi due giorni di credito insufficiente il traffico telefonico non sarà utilizzabile fino alla prossima ricarica. Vogliamo specificare che i 0.99 centesimi di euro saranno pagati ogni giorno che il credito sarà insufficiente per un massimo di 2 giorni e un totale di 1.98 euro.

Questi costi di morosità verranno applicati anche alle offerte Wind per bambini e persone disabili. Non verranno però applicate alle offerte a consumo, non dovendo pagare un rinnovo lo stesso giorno di ogni mese. L’operatore arancione ha anche disposto l’adeguamento del traffico dati in roaming europeo concesso a tutti i suoi clienti.

Nel dettaglio si è uniformato agli standard europei, i clienti dell’operatore avranno quindi un quantitativo di traffico dati maggiore, mentre la tariffa in caso di superamento della soglia si è abbassata da 0,00549€ per MB a 0,00427€ per MB. Per scoprire tutte le nuove offerte dell’operatore, per le festività natalizie, non vi resta che dare un’occhiata al suo sito ufficiale. Vi ricordo che insieme al brand 3 Italia, sarà anche presente all’Artigiano in Fiera con delle novità pazzesche.