RAI canone Gratis

Delle nuove email riguardanti un rimborso sono sopraggiunte nelle caselle postali di migliaia di cittadini italiani. Nel corso delle ultime settimane, infatti, si è andata spargendo la notizia relativa ad un’apparente abolizione del Canone Rai e del così nascente diritto ad un rimborso da parte di chi l’ha pagato. Purtroppo di tale notizia non vi è alcuna conferma: l’imposta sulla televisione non ha rappresentato neanche una materia di discussione tra le forze politiche e di rimborsi nessuno ha mai fatto cenno.

Cosa significa tutto ciò? Beh, che le email ricevute non sono altro che un ennesimo tentativo di phishing e, questa volta, i criminali del web si sono impegnati più del dovuto.

Canone Rai abolito: ecco la verità

Gli utenti che hanno ricevuto questo messaggio di posta elettronica sono stati, fin da subito, orientati a cadere nella trappola. Difatti, rispetto ad altre volte, questo tentativo di truffa è stato ben costruito inserendo al suo interno degli elementi capaci di guadagnare la fiducia delle vittime. Uno in particolare? Un finto portale dell’Agenzia delle Entrate in allegato in email.

Ovviamente non vi sarebbe bisogno di ribadire alcuni concetti chiave, ma ripeterli non fa mai male:

  1. Nessuno regala mai niente;
  2. Se il Canone Rai venisse abolito (altamente improbabile), tutti ne parlerebbero, giornali nazionali inclusi;
  3. Quando si riceve una email è sempre bene prendersi del tempo per rileggerla e controllare ogni dettaglio come la veridicità di quanto affermato, l’oggetto e il mittente del messaggio;
  4. Non aprire mai i link senza aver appurato la notizia e soprattutto non fornire mai i propri dati personali a cuore leggero.