Le rimodulazioni non avvengono soltanto per i termini contrattuali riferiti ai gestori di telefonia mobile. Arrivano nuove modifiche anche per la famosa Fineco Bank e nello specifico si nota un aumento del canone di imposta per gli utenti che usufruiscono dell’istituto.

Fineco è nata nel 1999 e adesso sta rimodulando le sistemazioni necessarie per la stipula di un nuovo contratto: si ipotizza infatti che i nuovi (e vecchi) clienti il costo per mantenere attivo un abbonamento con l’istituto, dovranno sborsare una quota di 3,95 €.

Un nuovo canone per gli utenti Fineco

L’importo sopracitato di 3,95 Euro è il costo massimale per mantenere un contratto attivo con la banca. Di fatto la cifra potrebbe essere anche inferiore in determinati casi. Da quel che si sa, gli utenti vedranno nella propria mail una notifica che riguarda i cambiamenti delle condizioni contrattuali.

Non confondete però la mail originale con una qualsiasi di phishing. La differenza con un messaggio truffaldino sta nel fatto che nella mail originale di Fineco Bank non ci sono link ne collegamenti ipertestuali da cliccare. Questo significherà che non vi saranno download vari di virus o tentativi di frode online.

Ma quando sarà attiva la modifica al canone per gli utenti dell’istituto di credito? La data predisposta da Fineco sembra essere Febbraio 2020. Anche se vi sarà un cambiamento, esisteranno dei metodi per averlo scontato. Di fatto basterà visitare l’area personale contenuta all’interno del sito ufficiale della banca per conoscere tutti i dettagli. Nello specifico i passaggi da fare sul WebSite sono i seguenti: “Home”, pigiate “Gestione conto”, poi “Condizioni”, ed infine “Leggi i dettagli”.