Un team di scienziati internazionali ha individuato un buco nero stellare tre volte e mezzo più grande di quanto si pensasse possibile.

I ricercatori avevano precedentemente stimato la massa di un singolo buco nero nella nostra galassia non più di 20 volte quella del sole.

Jifeng Liu, professore presso l’Osservatorio astronomico nazionale cinese (NAOC) dell’Accademia cinese delle scienze, ha dimostrato che hanno tutti torto.

Accanto a collaboratori provenienti da Australia, Cina, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna e Stati Uniti, Liu ha contribuito a scoprire un mostro buco nero 70 volte più massiccio del sole.

I buchi neri di tale massa non dovrebbero nemmeno esistere nella nostra galassia, secondo la maggior parte degli attuali modelli di evoluzione stellare“, ha affermato in una nota.

Abbiamo pensato che stelle molto grandi con la composizione chimica tipica della nostra galassia debbano disperdere la maggior parte del loro gas in potenti venti stellari, mentre si avvicinano alla fine della loro vita“, ha spiegato Liu. “Pertanto, non dovrebbero lasciarsi alle spalle un residuo così massiccio“.

Fino a poco tempo fa, i buchi neri stellari potevano essere visti solo quando divoravano gas da una stella compagna, creando potenti emissioni di raggi X rilevabili dalla Terra.

Ma poiché la stragrande maggioranza dei buchi neri non è così affamata e non emette raggi X rivelatori, sono state identificate e misurate solo circa due dozzine di regioni dello spaziotempo.

LB-1: il metodo dello scienziato Liu per raggiare il problema

Per aggirare questo problema, Liu & Co. ha utilizzato il telescopio spettroscopico in fibra multi-oggetto a grande superficie cinese (LAMOST) per una ricerca difficile di stelle in orbita attorno a un oggetto invisibile tirato dalla sua gravità.

Situato a circa 15.000 anni luce dalla Terra, il cosiddetto buco nero LB-1 è tre volte più massiccio del previsto.

Gli scienziati hanno utilizzato i più grandi telescopi ottici del mondo, il Gran Telescopio Canarias della Spagna e il Keck I degli Stati Uniti, per determinare i parametri fisici del sistema.

I risultati sono stati scioccanti: una stella otto volte più pesante del sole orbita attorno a un buco nero con 70 masse solari ogni 79 giorni.

Questo è uno straordinario risultato“, ha aggiunto Reitze, professore all’Università della Florida, “punta davvero verso una rinascita nella nostra comprensione dell’astrofisica del buco nero“.