DVB T2 decoder gratisIl grande piano per il DVB T2 sta per avere inizio alle porte di un 2020 che porterà ad intensi cambiamenti sul fronte connettività e rete Internet. Esiste una stretta correlazione tra 5G e televisione in quanto i parametri del nuovo standard cambiano in relazione alla cessione delle frequenze TV per la rete mobile senza fili ad alta velocità. Ne consegue che RAI e Mediaset non si vedranno più a partire dall’inizio del prossimo anno. Non è una regola. Bisogna conoscere a fondo questo nuovo sistema e scoprire se sia necessario comprare un nuovo decoder o un nuovo televisore. Ecco i dettagli.

 

DVB T2: cambiano i canali nel Digitale Terrestre, ecco cosa servirà a partire dal 2020

Le emittenti nazionali di radiotelevisione stanno per adeguarsi alle direttive del centro telecomunicazioni terrestri. In proposito è stato confermato il Digitale Terrestre 2.0 che si apre alla completa concessione dei canali HD. Ciò significa che spariranno le piattaforme standard usate fino a questo momento per, ad esempio, Canale 5, Italia 1 e tutti i canali RAI. Il passaggio è verso l’alta definizione e potrebbe essere traumatico per alcuni di noi.

Iniziamo col dire che per ricevere il segnale non sarà richiesto un intervento tecnico di sostituzione dell’antenna o una configurazione della precedente. Mantenendo le stesse identiche condizioni ci si sincera soltanto della compatibilità da verificare dal proprio televisore. I casi possono essere due. Nella prima ipotesi abbiamo un televisore compatibile e quindi già pronto per tutti i canali che verranno. Nella seconda disponiamo di apparecchiature obsolete (vecchi televisori o presenza di decoder DVB 1.0 collegati via SCART).

Per verificare che il televisore sia pronto a ricevere tutto basta aggiornare la lista dei canali ottenendo l’elenco delle nuove piattaforme HD. Per ora vedremo tutti i canali (in bassa ed alta definizione). A noi interessano quelli HD. Sintonizziamoci, quindi, su una emittente qualsiasi e verifichiamo che tutto funzioni a dovere. Se il riscontro è positivo siamo OK. Non sarà necessario acquistare una nuova TV o un decoder.

Nell’eventualità di una precedente installazione di decoder standard o se il nostro apparecchio non offrisse compatibilità nativa al DVB T2 è opportuno prevedere un nuovo decoder. Il cambio TV è necessario soltanto nel momento in cui volessimo l’alta definizione per display che attualmente non la stanno offrendo. In caso di acquisto del decoder ce la caviamo con 25 o al massimo 50 euro a seconda delle funzionalità previste per il componente. La buona notizia è che si può ottenere un rimborso completo grazie agli incentivi governativi da sfruttare presentando opportuna documentazione attestante lo stato dell’ISEE entro i limiti previsti dalla Legge e nei tempi e nei modi definiti dalla normativa vigente.