sony playstation 5

Un nuovo brevetto PS5 suggerisce che la console di prossima generazione di Sony presenterà una tecnologia di acquisizione e condivisione più solida tramite una nuova funzionalità descritta come “tagging delle scene”.

Come scoperto da RespawnFirst, la Sony Interactive Entertainment ha depositato un brevetto all’inizio del mese presso l’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti per una  tecnologia “utilizzata per caratterizzare i contenuti generati dagli utenti associati alle informazioni di gioco associate ai videogiochi”.

“I contenuti generati dagli utenti esemplari includono registrazioni video o schermate all’interno del videogioco relative agli eventi che si sono verificati.” continua la descrizione di Sony. “I metadati corrispondenti verrebbero quindi utilizzati per descrivere aspetti sostanziali del contenuto generato dall’utente come dettagli su dove è stata presa la registrazione o lo screenshot, chi è stato incluso nel contenuto generato dall’utente e quali oggetti sono stati trovati nel contenuto generato dall’utente “.

 

Cosa c’è dentro la console PlayStation di prossima generazione?

Sezionando il documento, suona molto come una versione più avanzata del sistema di condivisione di PS4, che consente all’utente di catturare i filmati di gioco e caricarli online tramite la console stessa, oppure trasmettere direttamente la propria esperienza al pubblico pubblico online o in privato con altri amici di PlayStation.

Ciò che differenzia questa tecnologia descritta dal suo predecessore, tuttavia, è la possibilità di modificare in modo più accurato la propria acquisizione e che altri possano scoprire e simulare l’esperienza attraverso la rete PlayStation.

Il brevetto conclude che “i metadati associati consentirebbero 1) agli utenti di effettuare ricerche tra i vari contenuti generati dagli utenti caricati e 2) di cercare all’interno di porzioni di tali contenuti generati dall’utilizzo particolari sottosezioni di interesse. Inoltre, i metadati associati all’utente e il contenuto generato consentirebbe agli spettatori di provare gli stessi eventi registrati. “