Un gruppo di musicisti e attivisti chiede agli artisti di estrarre la loro musica dal servizio di streaming musicale di Amazon fino a quando non terminano i suoi legami con l’agenzia statunitense Immigration and Customs Enforcement (ICE), come notato da Stereogum.

Il gruppo, No Music For ICE, è stato formato con il gruppo di difesa no profit Fight for the Future il mese scorso, inizialmente chiedendo agli artisti di sottoscrivere un impegno per il boicottaggio di eventi sponsorizzati da Amazon.

Ora, in una nuova lettera, No Music For ICE chiede agli artisti di fare un ulteriore passo avanti e rimuovere la loro musica dal servizio di streaming di Amazon, a partire dal Black Friday e proseguendo attraverso “la stagione dello shopping e dei viaggi delle vacanze, quando le vendite di musica sono spesso al loro picco. ”

“Amazon sta cercando aggressivamente di competere nelle vendite di musica e nei mercati di streaming, con risultati contrastanti. Basato su alcuni numeri per i principali atti “rock” che un esperto del settore ha condiviso con noi di recente, Amazon Streaming ha rappresentato solo circa il 4% dei flussi della prima settimana. Le vendite digitali di Amazon MP3 equivalgono al 3% delle vendite di album, escluse le vendite di biglietti / bundle di album. Abbassare la tua musica dà dei calci ad Amazon dove fa già male, ed è facile da fare”, dichiarano gli attivisti in una lettera.

Amazon: gli artisti che hanno firmato la petizione per No Music For ICE e le richieste fatte ad Amazon

No Music For ICE fa quattro richieste ad Amazon: risolvere contratti esistenti con ICE e altre agenzie governative con presunte violazioni dei diritti umani; interrompere la fornitura di servizi cloud alle organizzazioni che alimentano le espulsioni; terminare progetti come le partnership di sorveglianza di Amazon Ring con la polizia; e “respingere qualsiasi impegno futuro con attori così cattivi”.

Amazon non ha direttamente un accordo con ICE, ma ha un accordo con il Dipartimento di sicurezza nazionale. Amazon Web Services ospita database DHS, che vengono quindi utilizzati per rintracciare gli immigrati.

Vari artisti hanno firmato la petizione di Fight For The Future per boicottare eventi sponsorizzati da Amazon. Sono arrivati ​​sulla scia di un tumulto su Amazon che ha annunciato il suo primo festival musicale, Festival dell’Intersect.

Ospitato dalla divisione di cloud computing e web hosting di Amazon, Amazon Web Services, Intersect Festival si svolgerà a Las Vegas il 6 e 7 dicembre, con spettacoli come Foo Fighters, Beck e Kacey Musgraves. Diversi artisti hanno espresso preoccupazione, dicendo che non erano a conoscenza del fatto che il festival fosse ospitato da Amazon quando hanno firmato. Amazon afferma che l’affiliazione è stata menzionata più volte nei documenti di prenotazione.

Fight for the Future afferma che artisti come Downtown Boys e Remember Sports hanno già chiesto ad Amazon di eliminare la loro musica.