Dyson Airblade 9kJ è il primo asciugamani dopo quello del 2006 ad essere super innovativo. Quest’ultimo progresso della casa americana è stato mostrato a Milano ed è il più veloce sul mercato e permette un mega risparmio energetico.

Dyson Airblade 9kJ: innovazione e risparmio

Esso è dotato della certificazione HEPA per quanto riguarda il filtro, e la sua struttura è assolutamente innovativa a partire dai materiali utilizzati. Fibra di vetro e tessuto, che permettono di catturare e disinfettare l’ambiente da tutti i batteri che inquinano la nostra aria, perfetto quindi per chi soffre di allergie.

Oltre ad asciugare le mani, sterilizza l’ambiente nella massima sicurezza igienica. Il risultato di questo gioiello di tecnologia sanitaria è arrivato dopo anni e anni di studi ed oltre ben 700 prototipi. In pochissimi secondi, massimo dieci asciuga le mani nella modalità Max offre anche un’assoluto silenzio nell’uso.

Personalizzazione di utilizzo. La chiave di questo Dyson è la modalità Eco: in questo modo viene garantita l’ottimizzazione del motore che porta ad una riduzione del consumo quasi al 90%. Questo strumento permette anche un risparmio nel caso di salviette non riciclabili di carta. Minori anche le emissioni di CO2.

Come ogni dispositivo, anch’esso merita una parantesi sull’hardware. Il motore permette di compiere 75mila giri al minuto nella realizzazione di una vera e propria sottilissima linea d’aria come se fosse una lama, arrivando anche ad una velocità di 25 km/h. I costi annuali? Non arriviamo nemmeno ai 20 Euro. Un investimento che nemmeno in un anno ripaga il suo acquisto.

Il prezzo? 1340 Euro.