Se hai mai dovuto visualizzare documenti PDF, ci sono buone probabilità che tu abbia già molta familiarità con Adobe Acrobat Reader. Dopo aver iniziato ad essere disponibile su piattaforme Windows e Mac negli anni ’90, Acrobat Reader è arrivato su dispositivi Android nel 2010.

Anche con l’arrivo di molte piattaforme alternative, Acrobat Reader è riuscito a rimanere popolare nel tempo. Infatti, ha recentemente raggiunto un traguardo di oltre 500 milioni di installazioni sul Play Store. Non è semplice stabilire record simili quando ci sono tante altre opzioni disponibili sul mercato. In particolar modo, i PDF migliorano i flussi di lavoro personali, scolastici e non solo. Spesso sono una necessità per svariati documenti in quanto più pratici sotto molteplici punti di vista.

Adobe Acrobat Reader supera i 500 milioni di installazioni confermando l’ormai noto successo di questa piattaforma

I formati dei documenti vengono mantenuti quando condivisi, e il formato è sempre lo stesso, gli elementi non testuali possono essere facilmente integrati, le dimensioni dei file sono relativamente piccole e rispondono bene alla compressione. Inoltre, i PDF funzionano su qualsiasi sistema operativo. Insomma, i vantaggi sono davvero infiniti.

Con aggiornamenti continui all’app di Adobe, gli utenti possono anche usare i PDF per firmare documenti, aggiungere annotazioni e note adesive, convertire facilmente i file in altri formati e archiviarli nel cloud per una facile accessibilità. L’aggiornamento a un abbonamento a pagamento di Adobe Acrobat Reader sblocca ancora più funzionalità. Vi ricodiamo che se l’app non è già preinstallata sul tuo telefono, prova a cercare manualmente l’aggiornamento più recente.