truffa amazon prime

In pieno Black Friday una notizia squarcia il velo sulla reputazione di Amazon, poiché un ragazzo di appena vent’anni è appena diventato il secondo truffatore di sempre ad aver sottratto all’azienda di e-commerce più famosa al mondo importi con cifre e sei zeri. Il metodo era tutto sommato semplice: acquistava merce con Amazon Prime, riceveva subito il pacco subito, lo svuotava del contenuto e poi lo riempiva di terra pareggiando il peso del prodotto originale.

Una volta fatto il reso ad Amazon, aspettava il rimborso procedurale dell’azienda e, infine, si rivendeva online il proprio bottino. Una strategia semplice ma geniale che ha fatto guadagnare illecitamente a un 22enne spagnolo oltre 330 mila euro. Parliamo di James Gilbert Kwarteng, cittadino originario di Palma di Mallorca che si era specializzato nell’acquisto di dispositivi elettronici.

 

Amazon: truffata per 330 mila euro da un ragazzo

Il trucco ha funzionato per un tempo considerevole perché Amazon non controlla subito il contenuto dei resi, ma soltanto se il peso coincide con quanto spedito in origine. Quindi, ben prima del controllo del contenuto del reso viene versata la restituzione del prezzo del prodotto restituito.

Salito presto alla ribalta con un suo amico, James tuttavia si deve arrendere al record ancora detenuto da una coppia americana residente in Indiana che, con un sistema simile, avevano derubato Amazon per oltre un milione di dollari. Anche quella volta, in maniera che ha dell’assurdo visto che si ripete, Amazon non si era accorta di niente né aveva mai sospettato di nulla. Il tutto fu scoperto grazie alla polizia che ha smascherato i due ladri truffatori, i quali sono finiti in prigione per circa sei anni.