I conti correnti degli utenti presso Unicredit, Sanpaolo e BNL devono stare attenti alle numerose truffe online che circolano sul Web. Di fatto gli hacker cercano ogni modo per prosciugare i soldi dei clienti. Attraverso il phishing, ossia l’invio da parte dei cyber criminali di mail fraudolente, molti consumatori lamentano dei tentativi di truffa ai loro danni. Utilizzando sempre più internet infatti, e con la crescente diffusione di questa pratica, gli hacker hanno inventato tecniche sempre nuove, e sempre più persone ci sono cascate in tale truffa. Ma nello specifico, cosa si intende per phishing?

E’ una truffa che viene diffusa attraverso SMS o mail, oppure chat di Facebook, e consiste in un messaggio inviato da un malintenzionato online che si spaccia per una società famosa o un grosso ente, come un istituto bancario o le Poste Italiane.

Il tono di tali messaggi è sempre allarmista e fa riferimento a problemi relativi alla chiusura di un conto corrente. Ovviamente è una truffa in quanto gli enti non inviano mai comunicazioni urgenti e di tale spessore tramite uno di questi metodi, ma soltanto mediante appuntamenti nelle sedi ufficiali dal vivo.

Nella mail o SMS è contenuto un link da cliccare, all’interno del quale bisogna inserire i propri dati personali e bancari. E’ attraverso tale meccanismo che gli hacker rubano i dati, quindi l’identità online e le credenziali per accedere alle App di home banking e derubare gli utenti dei soldi sui conti correnti.

Le truffe online diventano un serio rischio per gli utenti: come riconoscerle?

Il primo step da effettuare è quello di riconoscere le email fraudolente: si caratterizzano dalla presenza di link, allegati e usi impersonali, e da numerosi errori ortografici e grammaticali. Inoltre l’indirizzo mail SEMBRA reale ma non lo è mai. Di fatto, con una semplice ricerca potete scoprirlo voi stessi, oppure chiamare il servizio clienti dell’ente per cui l’hacker si spaccia, e chiedere delucidazioni.

In secondo luogo, non aprite mai i link ne inserite i vostri dati. Al di là di tutto, per stare più tranquilli, vi consigliamo di cestinare immediatamente tali email e non rispondervi per alcuna ragione.