vpnIPTV VPN vengono spesso utilizzate assieme per combattere i blocchi imposti a Sky gratis, tutti i giorni sentiamo e leggiamo di utenti spinti a sfruttare una soluzione di questo tipo per accedere illegalmente Sky, ma cosa lega questi due acronimi? e perché sono diventati di utilizzo così comune?

Per capire il tutto sono necessarie alcune nozioni fondamentali, nel momento in cui vi collegate tramite un dispositivo alla rete internet, dovete innanzitutto sapere che sarete sempre individuabili (sia nelle attività svolte che proprio nel globo) per mezzo del cosiddetto indirizzo IP. Un codice che individua univocamente il terminale connesso alla rete, non può essere confuso con altri proprio perché è unico nel suo genere.

Le liste IPTV sono a tutti gli effetti un insieme di link diretti ad un server dal quale ha poi inizio la trasmissione video in streaming sui dispositivi degli utenti effettivamente connessi. E’ bene ricordare che ogni canale corrisponde ad un link, nonché ovviamente la necessità di disporre di una connessione internet attiva per fruire del servizio.

Consapevoli di essere nel torto, ma sopratutto di cercare di accedere ad un servizio completamente illegale, gli utenti hanno cercato un modo per riuscire ugualmente nello scopo, cercando nel contempo di nascondere il proprio indirizzo IP.

 

VPN e IPTV: ecco cosa le lega

Da qui arriva la necessità di utilizzare le VPN, ovvero le cosiddette reti private virtuali, il cui scopo è proprio quello di realizzare una connessione sicura ed anonima tramite la quale il consumatore può collegarsi alla rete internet. Tutto è permesso per mezzo di un tunnel crittografato, nonché l’oscuramento completo dell’indirizzo IP.

Ad ogni modo è bene ricordare che quanto scritto non vi darà comunque la libertà di compiere azioni illegali, sia tramite VPN che senza.