A seguito degli ultimi aggiornamenti, moltissimi utenti hanno segnalato una serie di criticità nel sistema operativo della casa di Redmond.

Windows 10 viene spesso aggiornato, infatti, per rendere il sistema più efficiente ed integrato, oltre che per introdurre le novità più all’avanguardia in ottica di semplificare l’esperienza d’utilizzo degli utenti.

Eppure, proprio questi due update – che avevano come obiettivo di conferire maggiore stabilità al sistema – si sono rivelati fallimentari, se non addirittura dannosi, per PC e Notebook.

Aggiornamento Windows 10: valanga di segnalazioni da parte degli utenti

Le criticità rilevate fanno riferimento prevalentemente a due aggiornamenti del software.

Il primo, corrispondente al KB4512941, ha causato problemi alla Windows Sandbox, alla connessione Remote Desktop e a Cortana, l’assistente vocale di Microsoft, non rendendola più utilizzabile. L’attivazione di questo strumento, infatti, fa schizzare l’attività della CPU al 40%, determinando un rallentamento generale nelle prestazioni del dispositivo. Il che rappresenta un problema piuttosto ingombrante, se si considera che Cortana si rivela piuttosto utile nello svolgere determinate ricerche o nel fornire supporto all’utente.

Il secondo aggiornamento, successivo al KB4512941, ha invece determinato un rallentamento generale del pc. L’update in questione corrisponde al KB4515384, che sarebbe dovuto andare a portare una maggiore stabilità e a risolvere le criticità riscontrate nel precedente. Invece ha determinato solo un rallentamento ulteriore nei dispositivi e un peggioramento nella sicurezza dei pc a 32 bit.

Fortunatamente, i programmatori si sono già detti al lavoro per risolvere al più presto queste criticità. Si spera, dunque, nella release tempestiva di un aggiornamento che possa andare a ripristinare la corretta funzionalità di Windows 10.