esenzione canone della RAI

Si parla ogni giorno nei bar così come sul Web dell’odiata imposta del bollo auto e del Canone Rai, le più odiate dai cittadini. Purtroppo bisogna pagarle, c’è poco da fare. Se si è possessori di automobili o se si possiede un apparecchio televisivo, bisogna versare allo Stato la quota annuale prevista.

Facendo leva su questo pensiero però, gli hacker hanno escogitato una nuova truffa che vede proprio protagonista il famoso Canone Rai e il suo relativo pagamento. Arriva sul client degli utenti una mail ingannevole che esorta i cittadini a cliccare un link per ricevere il rimborso relativo alla tassa odiata. Distinguere una mail ufficiale da una phishing non è una cosa immediata, tuttavia alcuni elementi possono farvi capire immediatamente che si tratta di una frode.

Truffa del rimborso del Canone Rai: non cascateci!

La fake news in questione come dicevamo poco fa, riguarda un finto rimborso del pagamento del Canone Rai, che vi ricordiamo essere obbligatorio per tutte le famiglie italiane. L’importo da pagare arriva assieme alla bolletta dell’energia elettrica, proprio per contrastare il più possibile il fenomeno crescente dell’evasione fiscale.

Certo, si può richiedere l’esenzione tramite un form specifico da presentare all’Agenzia delle Entrate, ma oltre questo specifico caso, non è possibile evitare il pagamento. La mail phishing ingannevole si presenta così: “RE: Rimborso RAI – A8005W” e sembra in tutto e per tutto una mail ufficiale inviata dall’ente istituzionale. In realtà all’interno vi è un link malevolo che porta l’utente ad inserire i propri dati personali e bancari al fine di ottenere il rimborso.

Noi vi ricordiamo che qualsiasi banca, istituzione, ente non invia comunicazioni del genere, non effettua rimborsi ne tanto meno richiede i dati sensibili per mezzo mail o SMS; fate attenzione, dunque.