La navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX ha superato i test dell’autopompa antincendio statica ed è pronta per passare alla fase successiva.

La compagnia, che ha condotto i test vicino a Landing Zone 1 di SpaceX sulla stazione dell’aeronautica di Cape Canaveral in Florida il 13 novembre, si sta ora preparando per una dimostrazione di fuga di lancio in volo. È nota anche come test di interruzione in volo, secondo quanto riferito dalla NASA un comunicato stampa.

I test sono iniziati con due ustioni (un secondo ciascuno) per due propulsori Draco di Crew Dragon. Ogni propulsore viene utilizzato per le manovre in orbita e il controllo dell’assetto, oltre al riorientamento durante determinate fughe di lancio in volo.

 

SpaceX: l’inizio dei test e gli obbiettivi dell’azienda insieme a quelli della NASA

Dopo che il propulsore Draco iniziale è stato bruciato, il team SpaceX ha concluso un fuoco di durata per circa nove secondi degli otto motori SuperDraco del veicolo spaziale. Sono progettati per accelerare Dragon lontano dal veicolo di lancio F9, nel caso in cui si verifichi una situazione di emergenza dopo il lancio.

Subito dopo l’arresto del SuperDracos, due propulsori Draco hanno sparato e otto lembi SuperDraco chiusi, replicando la sequenza richiesta per riorientare il drago dell’equipaggio in volo per dispiegare un paracadute e chiudere i lembi prima di rientrare. Il completamento della sequenza completa ha richiesto circa 70 secondi.

I test di mercoledì hanno aiutato a controllare il sistema di fuga di lancio prima della dimostrazione di interruzione in volo di Crew Dragon.  Era stata pianificata come parte del programma di equipaggio commerciale della NASA. Dopo il test, la NASA e SpaceX esamineranno i dati. Verranno eseguite ispezioni hardware e fisseranno una data di lancio target per il test di interruzione in volo.