netflix

Dopo un’assenza durata 25 anni, Axel Foley sta tornando. Secondo Deadline, il proprietario della serie Paramount ha firmato un accordo di licenza una tantum con Netflix che consentirà alla società di produrre un quarto film di Beverly Hills Cop (un piedipiatti a Beverly Hills) che verrà trasmesso in streaming esclusivamente sul suo servizio. Sia Eddie Murphy che il produttore Jerry Bruckheimer sono a bordo per aiutare con il progetto, e se tutto va secondo i piani, il contratto include un’opzione per Netflix per creare un quinto film.

Questo segna la terza volta che Paramount ha firmato un accordo di questo tipo con Netflix. L’anno scorso, il gigante dello streaming si è assicurato i diritti di distribuzione globale per Annihilation di Alex Garland e ha sorpreso il mondo dopo aver rilasciato The Cloverfield Paradox subito dopo aver annunciato la sua esistenza durante il Super Bowl. Il poliziotto di Beverly Hills è di gran lunga il più grande franchising che lo studio cinematografico abbia concesso in licenza a Netflix.

 

Colpo grosso per la società?

Inoltre, come osserva Deadline, sia Annihilation che The Cloverfield Paradox sono stati completati quando Netflix è entrato in scena. Questa volta, la compagnia avrà voce in capitolo sia sulla sceneggiatura che sul regista. In particolare, si sta anche assumendo l’onere finanziario del finanziamento del film, il che significa che se il sequel è un flop, sarà Netflix il responsabile, non su Paramount.

Per questo motivo, l’accordo ha molto senso per la Paramount. Nel trimestre fiscale del secondo trimestre del 2018, oltre la metà delle entrate della società che ammontano a circa 741 milioni sono derivate dal suo accordo per The Cloverfield Paradox. In effetti, il successo a sorpresa del film su Netflix è stato uno dei motivi principali per cui lo studio cinematografico è stato in grado di realizzare un modesto profitto di 9 milioni.