3g spentoLe attuali offerte telefoniche sono tutte in 4G, tranne che per alcuni gestori che continuano a poggiarsi sulla rete 3G. Secondo indiscrezioni dobbiamo prepararci a dire addio al network con l’arrivo ormai vicino del 5G in tutta la penisola. C’è da dire che una decisione simile potrebbe costare caro a gestori ed utenti che attualmente fanno leva sull’infrastruttura di terza generazione. A risentire di questa mancanza potrebbero essere soprattutto i clienti 3 Italia ed Iliad. Questi, nella maggioranza dei casi, gestiscono la propria promo attraverso tale rete per l’accesso ad Internet. Ecco cosa sta per succedere.

 

3G in fase di shutdown: TIM, Wind Tre, Vodafone ed Iliad confermano il 5G mantenendo il 4G ma stanno per dire addio alla rete

Nelle zone in cui il 4G di Tre ed Iliad non è efficace si continua a navigare in 3G. Una soluzione temporanea che sta progressivamente lasciando il posto a nuovi impianti per la gestione di Internet mobile. Ma il 4G è ancora lontano dalla perfezione ed a poco valgono gli accordi interni per la concessione di una rete veloce. Il 3G, difatti, rappresenta ancora una parte importante dell’esperienza utente in rete.

La copertura 4G non è ottimale, tanto da richiedere il passaggio obbligato al servizio 3G nelle zone in cui vincoli strutturali e segnali non concedono una navigazione soddisfacente. 3 Italia, tra l’altro, si fa pagare per la concessione del network 4G. Molti utenti pensano che l’operatore possa rivalersi economicamente sui clienti concedendo la velocità massima a fronte di nuovi aumenti alle tariffe.

Nonostante non sia stato confermato nulla si tratta di una decisione ardua da prendere in un periodo in cui Iliad fa record e 3 Italia inizia a concedere promo da 100 Giga al mese. Aggiornaemnti sulla situazione nei prossimi giorni in attesa di una decisione che potrebbe aver effetto già a partire dal 2020.