google-healtcare-medici-pazienti-privacy-dati-senza-consenso
Sempre più giganti del mondo della tecnologia investono nel settore di benessere e salute. Google, che ha dimostrato in passato uno sviluppo intenso in questo settore, ha trovato un nuovo metodo per “superare” gli avversari nello stesso mercato. Il vantaggio in questione si chiama “Project Nightingale“.

Secondo quanto riferito, Google ha trascorso diversi mesi a raccogliere informazioni private da milioni di pazienti sanitari negli Stati Uniti. Ciò che rende l’intera situazione molto imbarazzante, però, è il fatto che la società non ha chiesto il permesso per raccogliere queste informazioni.

Google non ha chiesto il permesso per raccogliere quei dati

Google sta collaborando nel progetto con Ascension, una delle più grandi organizzazioni sanitarie negli Stati Uniti. Le informazioni raccolte includono nomi, date di nascita, diagnosi, registri di ricovero e altro. Si dice che il livello di dettaglio dei dati raccolti è impressionante.

Secondo le informazioni pubblicate, Google ha un team di 150 dipendenti responsabili della gestione di tutte le informazioni raccolte. Tuttavia, sembra che nè i pazienti nè i medici siano stessi messi a conoscenza della raccolta di queste informazioni.

Le informazioni divulgate da Forbes affermano che l’obiettivo principale di Google è quello di creare un motore di ricerca per il sistema sanitario (Ascension). In questo modo, permetterebbe a un medico di accedere a una panoramica dettagliata della storia di un paziente attraverso una ricerca semplificata in stile Google.

Il sistema di ricerca sarebbe simile a quello utilizzato in Ascension

Per ora, questo è un sistema che viene implementato solo in Ascension. Tuttavia, se ha successo, questo sistema si espanderà all’intero sistema sanitario. In una dichiarazione ufficiale, Google ha dichiarato che tutte le informazioni raccolte sui pazienti sono conformi alle rigide norme sulla privacy di HIPAA. Fondamentalmente, queste regole impediscono la condivisione di informazioni private con terzi.

Inoltre, per quanto riguarda la sua partnership con Ascension, Google ha dichiarato che sposterà l’infrastruttura dell’azienda nel cloud. In questo modo, offrirà l’intera G-Suite direttamente a tutti i medici ed infermieri.