Amazon

La piattaforma di e-commerce Amazon, ha intenzione di aprire negli Stati Uniti un primo supermercato “tradizionale”. Fino ad ora il colosso ha sempre proposto supermercati senza casse, chiamati Amazon Go.

Al momento è iniziata già la selezione del personale, perché, a differenza dei negozi Go, questi avranno del personale in carne ed ossa. La piattaforma ha deciso di provare a sbarcare nella grande distribuzione organizzata, dopo l’operazione Whole Foods.

 

Amazon aprirà il primo supermercato tradizionale

In seguito all’acquisizione ormai due anni fa di Whole Foods Market ed Amazon Go, negozi in cui si può entrare ed uscire senza passare dalla cassa grazie ad Alexa, che si occupa di segnare sul nostro conto quello che compriamo, Jeff Bezos ha in mente una nuova idea. Quest’ultimo vuole infatti lanciare una terza catena di negozi a partire dal 2020 a Woodland Hills, un municipio di Los Angeles, negli Stati Uniti.

La notizia è stata recentemente confermata, quattro giorni fa la piattaforma ha infatti postato sul proprio sito l’inserzione per trovare quattro persone che lavorino all’interno “del primo negozio di alimentari Amazon”. Il marchio sarà diverso da quello di Whole Foods e avrà una serie di casse all’uscita, proprio come un supermercato tradizionale. Questa mossa potrebbe rappresentare una sorta di tentativo di aggirare gli ostacoli all’entrata nel mercato della distribuzione alimentare che negli USA vale oggi circa 900 miliardi di dollari.

Due anni fa la piattaforma ci aveva provato con l’acquisto di Whole Foods per 13.7 miliardi, anche se le difficoltà sono state notevoli a causa di un conflitto di posizionamento. Da un lato c’era infatti Whole Foods, che ha una posizione salutistica ed attenta alla qualità del cibo, dall’altra Amazon che ragiona come un ingrosso e cerca di fornire qualsiasi cosa le venga richiesto.