aggiornamento WhatsApp ottobreWhatsApp non si paga più da diversi anni. Le chat sono gratuite sia per gli utenti Android che per gli utilizzatori iOS. Lo stesso vale per chi si accinge ad accedere al proprio account tramite le utility WhatsApp Web. Ma la domanda è questa: «Sareste disposti a spendere qualche euro pur di non perdere l’opportunità di mantenere contatti e chat?». Un messaggio starebbe reintroducendo il pagamento annuale delle chat con buona pace di chi si è abituato all’idea del tutto gratuito con messaggi, chiamate, video chiamate e tutto il resto. Sarà vero o si tratta solo di una truffa? Prendiamo in considerazione le ultime dichiarazioni che circolano online.

 

WhatsApp: utenti tranquilli nonostante il ritorno a pagamento delle chat e dei gruppi, dal 2020 si richiede il costo di rinnovo ma arriva la smentita

Un tempo la gestione delle chat era a pagamento con un canone annuale di 0,89 euro. La transizione a Facebook ha causato un duplice effetto. Il primo è che l’app è gratis per sempre ed il secondo è il fattore aggiornamento che propone ottimizzazioni progressive che stanno valendo la soddisfazione di un miliardo e mezzo di utenti attivi in tutto il mondo.

Indiscrezioni e voci di corridoio hanno parlato di un possibile ritorno al canone annuale. I rumor, in tal caso, fanno da padrone per una notizia chiaramente smentita a pieno titolo dallo stesso sviluppatore. Niente di vero nel famigerato ritorno a pagamento dell’app. Facebook continua a mantenere le promesse per un’applicazione Free che in futuro potrà continuare ad offrire ottimizzazioni e funzioni finanziandosi con la pubblicità in-app annunciata diversi mesi fa dagli sviluppatori. Per il resto è gratis e lo sarà a tempo indeterminato da qualsiasi dispositivo.