La prima volta che YouTube ha provato lo streaming live, non è riuscito. YouTube Gaming è iniziato nel 2015, dopo che Google ha provato e non è riuscito ad acquistare Twitch, e da questo maggio il progetto è stato chiuso perché era confusionario per gli utenti. “È stata una situazione sgradevole. A dire il vero, non asarebbe potuta essere peggiore”, afferma il consulente di e-sport Rod Breslau. Il fallimento ha messo fuori gioco YouTube dalla gara in cui era stato con Twitch per conquistare i cuori e le menti della classe di streaming. Ha impedito alla società di sviluppare davvero una solida comunità di streaming live. Tuttavia, non è stata la fine.

Negli ultimi mesi, YouTube si è prenotata un’altra corsa. Sfruttato dall’arrivo imminente di Google Stadia, la prima incursione della società nel cloud gaming, YouTube è stato alla ricerca di talenti che può utilizzare per attirare nuovi spettatori sulla sua piattaforma. È particolarmente strano se si considera che YouTube, la piattaforma video più popolare del pianeta, ha già milioni di follower.

Youtube: i follower però rimangono fedeli alla piattaforma

Nell’ultimo mese, YouTube ha tagliato i rapporti con Jack “CouRage” Dunlop e Lachlan Power, che tra loro comandavano circa 3 milioni di follower su Twitch. Anche se sono sicuro che sono stati pagati profumatamente, Dunlop e Power trarranno beneficio anche dal loro inserimento nella scala di YouTube. Secondo Breslau, durante l’evento del buco nero di Fortnite, c’erano circa tre volte più persone che guardavano il buco su YouTube rispetto a Twitch.

Più recentemente, la semifinale del campionato mondiale League of Legends è avvenuta lo scorso fine settimana, raggiungendo un picco di circa 4 milioni di spettatori simultanei. Secondo Breslau, hè l’evento l’evento di e-sport più visto di tutti i tempi nell’ovest (esclusa la Cina). E c’erano più persone che lo guardavano su YouTube che su Twitch.