vpnLe VPN gratis, anche utilizzate con le liste IPTV e le televisioni in streaming in generale, possono davvero mettere in serio pericolo i dati degli utenti che decidono di “abbonarsi gratuitamente” al servizio internet. E’ assolutamente necessario prestare la massima attenzione, onde evitare situazioni molto spiacevoli.

Quanto scritto è la conseguenza di uno studio condotto direttamente da una società di sicurezza, atto proprio a cercare di certificare la qualità delle VPN gratis attualmente disponibili sul mercato. I risultati, purtroppo, sono stati al di sotto delle aspettative.

In oltre il 50% dei casi l’utente si trova ad accettare le condizioni di un’azienda interamente registrata ed operante in Cina, con server localizzati nell’estremo oriente, con anche quindi leggi e vincoli contrattuali molto diversi dalle limitazioni europee.

 

VPN gratis: ecco i rischi ed i pericoli corsi dagli utenti

Ad esempio, in alcune occasioni è stato dimostrato che il provider annuncia a tutti gli effetti la propria volontà di cedere i dati degli iscritti ad aziende di terze parti, se non anche al Governo Cinese stesso. In altre, invece, sono stati trovati veri e propri sistemi di tracciamento, il loro scopo è quello di salvare i file log direttamente nei server aziendali, in modo da avere sempre a portata di mano le attività degli iscritti.

L’utilizzo che poi ne verrà fatto purtroppo esula dalle nostre conoscenze, l’ipotesi più probabile è che vengano ceduti a terze parti per riuscire a mostrare le pubblicità più adatte e consone alle abitudini dei consumatori finali stessi. Il consiglio che vi possiamo dare è comunque di affidarsi sempre e soltanto a VPN a pagamento.