Facebook

Il co-fondatore di WhatsApp, ha spiegato che secondo lui bisognerebbe eliminare definitivamente l’applicazione Facebook. La dichiarazione è avvenuta durante un’intervista a Wired.

Si tratta di Brian Acton, uno dei fondatori di WhatsApp, applicazione di messaggistica istantanea acquistata da Mark Zuckerberg qualche anno fa per 19 miliardi di dollari. Ecco tutti i dettagli.

 

Facebook andrebbe cancellato, parola di Brian Acton

Durante uno dei tanti incontri che Wired ha organizzato per i propri 25 anni, Brian Acton ha dichiarato che bisognerebbe eliminare definitivamente l’applicazione Facebook. Non è sicuramente la prima volta che Acton esterna un pensiero simile. Lo aveva fatto anche durante lo scandalo Cambridge Analytica, quando pubblicò un tweet dicendo “It is time #deletefacebook”.

Brian Acton ha anche spiegato i motivi che lo hanno portato a sostenere l’idea che cancellarsi da Facebook sia effettivamente una necessità. I dati degli utenti, secondo lui e anche secondo gli ultimi scandali, sarebbero alla merce di tutti. Il social network Facebook ha profilato oltre 1 miliardo di persone per mostrare annuncia pubblicitari personalizzati e basati quindi sui gusti degli utenti. Acton ha detto che continuare a regalare le proprie informazioni senza avere nulla in cambio è dannoso.

Acton durante l’intervista ha parlato anche degli investimenti che la piattaforma sta al momento facendo nell’ambito della crittografia. Acton è molto scettico sull’impegno di Zuckerberg e, secondo lui, la piattaforma avrebbe bisogno di un nuovo sistema per la crittografia, cosa che probabilmente l’azienda lancerà in un futuro prossimo, si spera. Non ci resta che attendere per avere maggiori dettagli sulla questione, o magari una risposta da parte del CEO.