truffa foto profilo WhatsAppPer comprendere come funziona la nuova truffa WhatsApp dobbiamo avere ben chiaro un semplice concetto. Le chat non sono la vita reale. Dietro una tastiera da smartphone o una console PC potrebbe nascondersi chiunque. A meno di fare video chiamate o chiamate vocali è quasi impossibile capire chi sta dall’altra parte della chat. Presunti amici potrebbero ingannarci usando una foto profilo rubata. Non è una cosa campata per aria ma ciò che sta realmente succedendo a molti contatti. Ecco come funziona il raggiro.

 

WhatsApp: utenti raggirati da una falsa foto profilo, scattano truffe ai conti correnti e fake news a tutto spiano

Possiamo sempre scegliere di condividere o meno la foto profilo. Basta agire tramite le opportune configurazioni messe a disposizione degli sviluppatori all’interno dell’app. Spesso non lo facciamo e finiamo con l’alimentare la sete di soldi degli hacker che hanno messo in piedi truffe inedite. Tutto passa per il proprio account delle chat con amici invidiosi che potrebbero fare uno screen dell’immagine personale fingendosi noi stessi.

Ciò che potrebbe passare come un furto di identità maschera una situazione ben più grave. Un pericolo aleggia su tutti i nostri contatti comuni. Difatti, il ladro potrebbe chiedere bonifici via Paypal o PostePay a nostro nome fornendo un proprio IBAN su cui accumulare credito sulla base di una finta emergenza economica. Ma non è tutto. Oltre questo si citano le fake news, usate come mezzo organizzato dai troll per la disinformazione online.

Il nuovo metodo mette a rischio amici e parenti oltre che noi stessi. Consigliamo sempre di limitare il range di visibilità delle informazioni personali onde evitare guai a lungo termine derivanti dal furto di identità.