DVB T2

Il DVB T2 sarà ufficiale in tutta Italia fra pochissimi mesi e gli italiani si ritroveranno con dei nuovi canali e con una qualità super HD; a portare questa nuova innovazione sarà la rete 5G di Wind Tre, Tim, Vodafone e Iliad.

Il nuovo standard di digitale terrestre sarà introdotto in modo graduale in tutte le zone d’Italia, ma inizieranno a godere di questa innovativa tecnologia le seguenti regioni a partire da Gennaio 2020: Campania, Toscana, Umbria, Lazio, Liguria e Sardegna; dal primo Giugno 2020: Piacenza, Lombardia, Trentino Alto Adige, Valle D’Aosta e Piemonte; da Gennaio 2021: Reggio Calabria e provincia, Vibo Valentia e provincia, Catanzaro e provincia, e Sicilia; da Luglio 2021: Basilicata, Veneto, Marche, Mantova, Puglia, Emilia Romagna, Provincia di Cosenza, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia e Crotone.

Gli italiani dovranno comunque prepararsi all’arrivo di questo nuovo standard perché non tutte le televisioni saranno idonee a questo innovativo e potente aggiornamento; eccovi svelati tutti i dettagli a riguardo.

DVB T2 in arrivo: ecco quali sono le novità

Differentemente dalla rete 5G dove saranno i consumatori a decidere se attivare o meno questa rete, il DVB T2 sarà obbligatorio per tutti gli italiani; coloro che saranno in possesso di una televisione dotati dello standard di compressione video hevc saranno pronti all’implementazione.

Potrebbero, invece, avere problemi i consumatori che saranno in possesso di una televisione acquistata prima dell’anno 2015 (anno in cui il codec hevc è stato introdotto); in questo caso dovranno probabilmente affrontare delle nuove spese per la visione corretta dei canali Mediaset e Rai come acquistare una nuova televisione oppure un nuovo decoder adattandolo a quella attuale.