phishing email truffa Unicredit Sanpaolo BNLLe frodi online, come nel caso delle truffe BNL, Unicredit e Sanpaolo, sono ormai diventate all’ordine del giorno, sempre più spesso vi raccontiamo di problematiche di questo tipo, tutte realizzate a partire dal cosiddetto phishing.

Il meccanismo è dei più semplici, ma allo stesso tempo anche veramente micidiale. Tutto ha inizio con un semplice messaggio di posta elettronica con mittente l’azienda di riferimento, nella nostra situazione l’istituto di credito. Il corpo del testo è composto da una serie di frasi “intimidatorie” in cui si cerca di spaventare il consumatore, ma sopratutto di indurlo a premere un link interno per riattivare o bloccare il proprio account. Premendolo, tuttavia, si otterrebbe esattamente il risultato contrario, poiché si andrebbe a collegarsi ad un sito salvato su un server straniero e ben lontano dall’offrire lo stesso servizio dell’originario; a tutti gli effetti il consumatore consegnerebbe i propri dati sensibili nelle mani dei malviventi, dandogli così libero accesso a conti correnti e quant’altro.

 

Truffe BNL, Unicredit e Sanpaolo: attenzione alle e-mail che ricevete

L’unica soluzione per evitare di cadere in tentazione consiste nel cancellare immediatamente il messaggio una volta ricevuto, in questo modo non avrete problemi di sorta. Se premete il link non sarete compromessi, le difficoltà nasceranno nel momento in cui andrete a inserire i dati.

Se avete ricevuto il messaggio di posta elettronica, segnalatelo subito all’istituto di credito (in modo che poi possano avvisare anche gli altri clienti); se vorrete poi cambiare password e quant’altro, fatelo direttamente prima digitando l’indirizzo nella barra degli indirizzi del browser stesso.