Durante la creazione della funzione di ritocco del viso di Pixel 4, Google afferma di aver parlato con i professionisti che hanno più familiarità con il modo di far apparire le persone in forma: i fotografi di matrimoni. In un’intervista Isaac Reynolds, il responsabile del prodotto principale della fotocamera Pixel, ha approfondito le decisioni del team in merito al ritocco del viso. “Ci sono alcune linee che non attraverseremo“, dice, come rendere i volti più sottili, le labbra più grandi e il naso più piccolo. Eviteranno tutto ciò, ma dovranno comunque trovare comunque un modo per far sembrare le persone migliori in foto.

“Questo è il tuo momento più importante nel giorno più importante in cui devi avere un bell’aspetto perché lo guarderai per il resto della tua vita“, dice. “E abbiamo chiesto loro: ‘Cosa fai per le persone il giorno del loro matrimonio quando hanno già fatto tutti gli sforzi per rendersi fantastici?”

Dice che il team si preoccupa in particolare del levigamento della pelle. Reynolds ha specificato che è la “cosa più importante”.

Ci sono sfumature su come si leviga la pelle. Li chiamiamo domini di frequenza, ma fondamentalmente ci sono caratteristiche molto piccole sul viso come i pori. Questa è una frequenza molto elevata ad esempio“, afferma. Quindi il team vuole rimuovere “quello che sembri oggi che non sei tu.” 

 

Google: le funzioni di Pixel 4 per i selfie al cospetto di altre app

Per i selfie, Google attiva per la prima volta il ritocco del volto e per la prima volta sul Pixel 4. Suggerisce inoltre che Google è consapevole del fatto che le persone apprezzano l’attenzione delle loro foto per la precisione, soprattutto se stanno tenendo una brutta giornata o una settimana in cui condividere queste foto sui social media.

La sola attenzione al ritocco della levigatura della pelle contrasta con altre app della fotocamera, come Instagram, in cui gli utenti hanno la possibilità di provare i filtri della realtà aumentata che modificano completamente i loro volti e l’aggiunta di nuove funzionalità facciali, come le lentiggini. Queste app non hanno tracciato su una linea fissa ciò che gli utenti possono fare con le loro telecamere. Altri produttori di telefoni, come Apple, d’altra parte, hanno fatto tutto il resto senza avere un’impostazione di ritocco del viso integrata.