Truffe call center

Ricevere delle proposte commerciali da parte dei call center è totalmente normale: ogni giorno gli utenti in tutta Italia vengono contattati per nuove promozioni e tariffe vantaggiose, ma purtroppo in mezzo a tali telefonate si nascondono anche dei tentativi di truffa. È diventato sempre più comune sentire persone lamentarsi di bollette per abbonamenti mai richiesti ed ugualmente attivati: beh, se tutto ciò capita è a causa delle truffe telefoniche che si articolano secondo diverse modalità.

Truffe Call Center: ecco la più diffusa da sempre

Da anni immemori è una la truffa più comune sul territorio italiano e stiamo proprio parlando della “truffa del sì”. Quando gli utenti apprendono come questa funziona quasi non ci credono e, difatti, può sembrare surreale ma purtroppo non si tratta di uno scherzo, visto che il numero di persone rimaste coinvolte in tale inganno è realmente ingente. In ogni caso la vecchia truffa del sì sì articola in due fasi essenziali: una in cui viene svolta la chiamata ed un altra in cui un’abile opera di montaggio viene svolta.

Nella prima fase, quella della telefonata, un operatore è incaricato di telefonare un qualunque soggetto così da trarlo in inganno. Per effettuare tutto ciò egli porgerà domande inerenti la telefonia e quant’altro, ma il suo scopo principale sarà quello di far pronunciare alla vittima l’affermazione “sì”.  Grazie a questa, nella fase di montaggio, ogni risposta negativa si trasformerà in una conferma all’attivazione di nuovi contratti, incastrando di conseguenza gli utenti in abbonamenti mai desiderati prima d’ora.