phishing email truffa Unicredit Sanpaolo BNL

Da un report annuale sugli attacchi hacker sui conti correnti online sviluppato dall’azienda Check Point Software Technologies, è emerso che nel 2018 i tentativi di truffa online hanno subito un incremento del 50% rispetto all’anno precedente. Il tutto è dovuto al fatto che l’attacco phishing ai danni degli utenti possessori di un conto corrente presso uno degli istituti di credito più famosi come Unicredit, Sanpaolo e BNL, è aumentato in maniera esponenziale.

La società israeliana che si occupa di sicurezza informatica sta cercando proprio di sensibilizzare l’opinione pubblica, avvertendola dei rischi e pericoli del Web. Dalle info emerse si è visto inoltre, come negli ultimi mesi, la principale fonte di attacchi hacker provenisse dagli USA. Solo una minuscola percentuale di truffe parte dall’Italia stessa.

Unicredit, Sanpaolo e BNL: truffe phishing aumentate del 50% nel 2018. Nel 2019 quale sarà l’analisi?

In un’epoca in cui gli attacchi aumentano, l’azienda Check Point intensifica i panel informativi nelle città italiane per far comprendere agli italiani i pericoli derivanti dall’uso sbagliato e non corretto di Internet.

Che sia riferito al cloud, alla tecnologia, alle email, nessun settore informativo è immune alle frodi hacking. Purtroppo le falle nel sistema bancario di Unicredit, Sanpaolo e BNL sono tante e non gestibili dagli istituti stessi. Le grandi aziende tengono corsi su corsi per far presenti ai dipendenti le ultime minacce informatiche che il Web presenta quotidianamente. Il nostro accorgimento e consiglio però è sempre il medesimo: cestinate immediatamente le email sospette e non rispondete ne cliccate mai alcun link all’interno di esse. Massima prudenza, dunque.