Google Search si aggiorna per offrire dei risultati molto più precisi, interpretando le parole dell’utente in un modo meno letterale a favore di un significato più generale della query di ricerca. Per fare ciò, il colosso di Mountain View ha pensato di integrare la tecnologia BERT – acronimo di Bidirectional Encoder Representations from Transformers – basata sull’Intelligenza Artificiale.

Grazie a questa nuova tecnologia, il sistema non analizzerà più una sola parola per volta, piuttosto offrirà risultati che derivano dall’elaborazione delle parole in relazione a tutti gli altri elementi che compongono la frase di ricerca. Con BERT, insomma, viene considerato l’intero contesto di una parola – analizzando, appunto, gli elementi che la seguono e la procedono – così da comprendere l’intento dell’utente.

Al momento, Google ha avviato la fase di sperimentazione della nuova tecnologia negli Stati Uniti, per cui supporterà almeno in questa prima fase iniziale la sola lingua inglese. Ancora non si conoscono, però, le tempistiche relative al rilascio dell’aggiornamento in altri paesi.