Truffe Unicredit Intesa Sanpaolo BNL

Il mondo degli istituti bancari ha ormai adottato sistemi di sicurezza senza pari, i quali riescono a mettere al riparo i clienti da diverse tipologie di truffe e soprattutto a tutelare i loro risparmi in maniera efficiente. Nonostante ciò, però, l’operato dei cybercriminali non conosce pause o ferie e proprio per questo motivo, sempre più spesso, capita di ricevere sulla propria mail o sul proprio smartphone dei tentativi di frode non indifferenti. Sebbene sia stato appurato che entrare nelle home banking senza o-key o mobile token sia pressoché impossibile, risalire ai dati delle proprie carte per utilizzare poi questi ultimi movimentare cifre di denaro o effettuare acquisti non rintracciabili online, è molto frequente.

Truffe sui conti correnti più famosi d’Italia: ecco come si manifestano i tentativi

Sono diverse le modalità attraverso cui i cyber criminali cercano di truffare i conti correntisti italiani. Senza ombra di dubbio tra i tentativi più rinomati vi sono il phishing e il smishing.

Entrambe le tecniche consistono nell’invio  di falsi messaggi sotto falsa identità alle vittime, attraverso cui lo scopo principale è di incutere timore spingendo gli utenti ad aprire i link sempre presenti in allegato. A tal fine sono diverse le scuse utilizzate e queste posso andare dal blocco di un’eventuale carta, al blocco della  ricezione di un bonifico o ancora, al blocco del conto stesso.

Ovviamente tali notizie non sono che false e anche se non siete pratici, nel caso del phishing ve ne potrete accorgere consultando l’indirizzo email del mittente, nel caso dello smishing, invece, potrete tenere a mente che gli istituti bancari non inviano mai comunicazioni di tale portata via SMS (ed email).