Twitter ha ammesso che, in passato, la piattaforma era inclinata per mostrare più annunci agli utenti con meno follower. La politica aveva lo scopo di offrire agli utenti popolari un’esperienza migliore, incentivandoli a rimanere sulla piattaforma.

Alcuni utenti di Twitter avevano già notato il passaggio. Per settimane, gli utenti più famosi si sono lamentati di vedere più annunci sulla piattaforma. Questo è stato probabilmente il risultato della modifica della politica, che in precedenza ha soppresso il numero di annunci mostrati a quegli account. Ora, la società ha livellato il campo di gioco. Di conseguenza, gli account popolari stanno vedendo più annunci, finalmente sperimentando cosa significa essere un plebe sulla piattaforma.

La rivelazione arriva sulla scia di un annuncio a basso reddito che la società sta dando la colpa a problemi con i suoi prodotti pubblicitari, tra cui alcune allarmanti pratiche di gestione dei dati. Twitter di solito chiede agli utenti il ​​permesso di condividere informazioni sul loro tipo di dispositivo, connessione Wi-Fi e sistema operativo. Ma l’impostazione non funzionava correttamente e le informazioni finivano per andare agli inserzionisti quando non avrebbero dovuto.

Ora, quel problema è stato risolto, il che è positivo per l’umanità ma negativo per i profitti dell’azienda poiché gli inserzionisti vogliono indirizzare gli utenti di valore che hanno maggiori probabilità di spendere soldi per i loro prodotti. Twitter sta ancora lavorando su una soluzione più a lungo termine e afferma che i problemi potrebbero sanguinare nel prossimo trimestre.

Anche se stiamo lavorando alla riparazione, non esiste ancora una riparazione, quindi i suoi effetti continueranno nel quarto trimestre“, ha dichiarato il direttore finanziario dell’azienda Ned Segal. “Come potete immaginare, il rimedio sarebbe la condivisione di dati aggregati invece di dati personalizzati quando le persone ci hanno chiesto di non condividere i dati“.