Smartphone ricaricare notteGli smartphone hanno radicalmente cambiato le nostre vite diventando parte integrante della giornata. I dispositivi mobili possono cambiare le nostre abitudini in meglio oppure in peggio. Offrono milioni di possibilità ma includono anche alcuni pericoli.

Le problematiche maggiori si riscontrano non soltanto nell’uso smodato dei device ma anche per la sicurezza. In tale frangente riveste un ruolo essenziale la ricarica della batteria, spesso data troppo per scontata e sempre più pericolosa con il passare degli anni. Ecco cosa potrebbe succedere in caso di imprevisto.

 

Smartphone: un imprevisto ed il telefono prende fuoco, ecco la procedura corretta per ricaricare il tuo dispositivo

Si rischia di mandare tutto all’aria con un singolo incidente. Molte persone non tengono conto dei rischi cui si può incorrere nel corso di una semplice ricarica. Il telefono è sottoposto ad un intenso stress da calore aggravato dalla presenza del dispositivo acceso con le relative funzioni. Si consiglia sempre di ricaricare a device spento ed in condizioni ambientali favorevoli.

A seguito di numerosi cicli di ricarica la batteria perde capacità e resistenza, con le celle che si degradano con il passare del tempo. Un processo irreversibile che si risolve solo con le dovute accortezze. Se ci si accorge di un problema di autonomia si procede con la sostituzione del componente. In caso contrario, vista l’integrazione in-device, potrebbe essere difficile scoprire eventuali problemi. Elevato calore significa pericolo di esplosione.

Meglio optare per piccole ricariche frequenti piuttosto che puntare al 100%. Ancora meglio se completate di giorno, quando possiamo avere il controllo della situazione. Di notte, infatti, il rischio di una sovra esposizione al calore e ad un ciclo prolungato di ricarica aumenta. State attenti a non dimenticare il telefono collegato alla presa a muro per troppo tempo ed usate sempre gli accessori originali forniti dal costruttore.