Netflix

La piattaforma di contenuti in streaming Netflix nell’ultimo periodo sta vedendo, nella condivisione degli account, di malocchio, probabilmente a causa dei tantissimi utenti furbetti.

Il problema è nato non per gli utenti che obiettivamente fanno una condivisione familiare dell’account, ma per il fenomeno che ha creato questa opzione proposta dalla piattaforma. Scopriamo i dettagli.

 

Netflix contro la condivisione di account

Il fenomeno che si è creato è una vera e propria vendita di account condivisi, cosa che è stata fortemente affrontata anche nell’ultima riunione della piattaforma con gli investitori. La discussione su questo tema ha portato alla probabilità di un grande rimaneggiamento dei termini di servizio, per cercare di abolire questa tecnica fortemente utilizzata negli ultimi mesi.

La piattaforma ha dichiarato che i cambiamenti non avverranno in maniera drastica, ma che sicuramente la propria politica cambierà. Il product chief Greg Paters ha sottolineato come il proprio team stia da tempo lavorando ad un monitoraggio delle password tra gli utenti che decidono di condividere il proprio account con altre persone, cercando così delle strategie a basso prezzo.

Ecco la sua dichiarazione: “Continueremo a esaminare la situazione e individueremo dei metodi consumer friendly per limitare queste situazioni, ma al momento non abbiamo grandi piani di fare qualcosa di diverso al riguardo“. Vi ricordo che le condizioni di vendita della piattaforma così recitano: “Qualsiasi contenuto visualizzato attraverso il servizio è solo per uso personale e non commerciale e non può essere condiviso con persone al di fuori della propria famiglia“. Speriamo la piattaforma non decida di eliminare definitivamente questa opzione, effettivamente comoda per le famiglie.