Un’app che ti dice a quale celebrità assomigli è l’ultima tendenza virale del momento. Trattasi di Gradient. Tutto ciò che ti serve è uno smartphone con il riconoscimento facciale.

Gradient Photo Editor offre anche altre funzionalità di editing, ma quella che principalmente attira gli utenti è la funzione per trovare il tuo Doppelganger. Gli utenti possono caricare un’immagine di se stessi e vedere a quali volti famosi assomigliano di più. Attualmente classificata la migliore app gratuita numero uno, nonostante il breve periodo di prova, l’app è diventata popolare apparentemente in poche ore. Simile a FaceApp, che ha permesso agli utenti di vedere come potrebbero apparire quando invecchiano, le persone condividono intensamente i loro risultati online, comprese le celebrità stesse.

Oltre alle sorelle Kardashian e Scott Disick, che hanno indicato di aver utilizzato l’app come parte di un accordo di sponsorizzazione pubblicando #Ad su Instagram, i risultati dell’app sono stati condivisi anche da Diplo e da innumerevoli altre persone sui social media. Secondo i termini d’uso di Gradient, l’app “non rivendica la proprietà dei Contenuti che carichi o modifichi attraverso il Servizio”. Tuttavia, prosegue affermando: “Con la presente concedi a Gradient una licenza, non esclusiva, completamente pagata e esente da royalty, trasferibile, sub-licenziabile per utilizzare i tuoi contenuti per fornire il nostro servizio, soggetto alla politica sulla privacy”.

Gradient e i problemi di privacy: app divertente, ma quanto è realmente sicura?

L’app è l’idea di uno sviluppatore chiamato Ticket to the Moon Inc. Si sa poco sull’azienda o su eventuali altri software di sua proprietà. Come sottolineato da Mic: “I termini di utilizzo dell’app rivelano l’indirizzo dell’azienda in una posizione nel Delaware. Tuttavia, una rapida ricerca su Google di tale indirizzo fa apparire una società di investimento internazionale chiamata Meihua Capital Partners LLC invece di Ticket to the Moon.”

Dopo la popolarità iniziale di FaceApp, è stato scoperto che le foto caricate sull’app potevano essere utilizzate per altri scopi. Al momento, l’app ha tentato di alleviare le preoccupazioni sulla privacy degli utenti. Infatti, ha spiegato che le foto vengono caricate sul cloud per migliorare “prestazioni e traffico”, piuttosto che per altri potenziali usi. Lo sviluppatore dell’app, che ha sede in Russia, ha anche spiegato che mentre l’app può avere accesso alle foto sul dispositivo di una persona, carica solo l’immagine selezionata sul cloud. Quindi, anche con gradient, vale lo stesso avvertimento: è divertente, ma fai sempre attenzione quando carichi le tue foto da qualche parte.