aumenti operatori rimodulazioni

Il mondo della telefonia mobile è molto mutato nel corso del tempo: solo gli ultimi due anni hanno rivelato un andamento sempre più vicino ai bisogni della clientela, il quale si è automaticamente tradotto.in offerte ricche nelle soglie e a prezzo decisamente più bassi rispetto al passato.

TIM, Wind Tre e Vodafone hanno dovuto lottare a spada alta per difendere la loro clientela dall’entrante Iliad, operatore che in tal senso ha davvero fatto una rivoluzione. Promuovendo offerte analoghe a quelle del nuovo e quarto operatore nazionale, i più anziani sono riusciti a trattenere nelle loro famiglie molte persone, ma il tutto assume una visione diversa quando si comprendono in tale circostanza anche gli aumenti che più volte, durante l’anno, finiscono con il far salire il prezzo mensile delle offerte fino ad un punto spropositato.

Aumenti Wind, 3 Italia, Tim e Vodafone: ecco le ultime novità e cosa fare nel caso

Durante il corso di quest’anno sono stati diversi gli aumenti applicati alle offerte degli operatori nazionali, i quali hanno viaggiato dal semplice 0.99 centesimi a cifre più importanti come 1.99 e 2.99 euro. Nel corso del mese di ottobre (21-25), ad esempio, Vodafone Italia ha deciso di applicare delle rimodulazioni ad alcune sue offerte, ma questo non è stato un caso isolato. Purtroppo TIM, Wind Tre e Vodafone stanno ricorrendo a questi rincari sempre più spesso ed i clienti si stanno stancando di dover trovare alternative o dover accettare regali come giga aggiuntivi per addolcire la pillola.

Come sempre, in ogni caso, quando si parla di aumenti e rimodulazioni sia in positivo che in negativo, ricordiamo ai nostri lettori che vi è data un’opportunità senza eguali: quella di abbandonare il vostro operatore e la vostra offerta gratuitamente per cambiare bandiera e testare una nuova linea. Trattandosi di modifiche contrattuali unilaterali, infatti, si ha il diritto innato di recedere dal contratto anticipatamente senza dover sopportare un eventuale costo.