Blue Origin sta collaborando con i giganti del settore Lockheed Martin, Northrop Grumman e Draper per costruire un sistema di atterraggio lunare.

Jeff Bezos, fondatore di Blue Origin, ha svelato l’aggiornamento del lander lunare. Il trio, che ha firmato accordi di collaborazione con la società di Bezos, ha anni di esperienza nel supportare la NASA con missioni nello spazio profondo, navigazione interplanetaria, veicoli di lancio e sistemi di volo spaziale umano.

 

Blue Origin: ecco come collaborerà la compagnia di Bezos con le altre

Abbiamo messo insieme una squadra nazionale per tornare sulla luna“, ha detto Bezos al 70 ° Congresso Astronautico Internazionale a Washington, DC il 22 ottobre. “Non potevamo chiedere partner migliori“.

Ecco come ciascun partner contribuirà al sistema di atterraggio lunare: Lockheed Martin guiderà le operazioni di volo con equipaggio e l’addestramento e creerà il veicolo riutilizzabile Ascent Element. Northrop Grumman fornirà il veicolo Transfer Element che porterà il sistema di atterraggio verso la superficie della luna. Infine, Draper supervisionerà la guida alla discesa e fornirà avionica di volo.

Mentre collabora con Lockheed Martin, Northrop Grumman e Draper, Blue Origin come primo appaltatore guiderà la gestione del programma. Inoltre anche la sicurezza e l’assicurazione della missione, l’ingegneria della missione e l’ingegneria dei sistemi, fornendo al contempo l’elemento di discesa basato sulla creazione del lander lunare Blue Moon e il suo motore BE-7.

Le sfide nazionali richiedono una risposta nazionale. Siamo umili e ispirati a guidare questa squadra profondamente impegnata che farà atterrare gli astronauti della NASA sulla luna “, ha dichiarato Bob Smith, CEO di Blue Origin. “Combinando l’eredità dei nostri partner con il nostro lavoro avanzato sul lander lunare Blue Moon e il suo motore BE-7, il nostro team non vede l’ora di lavorare con la NASA a sostegno del programma Artemis”.

A maggio, Bezos e Blue Origin hanno introdotto Blue Moon. Il nuovo lander lunare della compagnia, che è alimentato da idrogeno liquido, contiene un sistema di navigazione a bordo. Sfrutta Internet gigabit per comunicare messaggi sulla Terra. Il lander lunare, che è stato tenuto nascosto fino a questo importante annuncio, mira ad accelerare l’esplorazione della luna nei prossimi anni.