VPNLe VPN gratis sono spesso utilizzate dagli utenti per accedere alle liste IPTV, un sistema con il quale si cerca di nascondere la propria identità, puntando comunque ad accedere a canali ottenuti in maniera totalmente illegale. Secondo alcuni studi le VPN di questo tipo potrebbero rubare i dati e cederli a soggetti terzi.

Premettiamo che non è nostra intenzione fare di tutta l’erba un fascio, di conseguenza ricordiamo che, di base, ovviamente non tutti i servizi gratuiti seguono le stesse procedure che andremo ad elencare. E’ chiaro, però, che in un mondo sempre più difficile per la maggior parte di noi, trovare oltre il 50% dei servizi di hosting di questo tipo reggenti in Cina lascia leggermente a bocca aperta.

Secondo quanto dimostrato, infatti, ad oggi la maggior parte dei suddetti memorizza file log degli utilizzatori, in modo da poterli utilizzare per fornire la pubblicità più adatta alle esigenze o addirittura cederli a terze parti. In alcune occasioni, addirittura, il consumatore è andato a firmare il contratto iniziale in cui l’azienda stessa annuncia che avrebbe venduto i dati al Governo Cinese.

 

VPN gratis: la situazione è paradossale

La situazione a cui siamo andati in contro è davvero paradossale, è difficile pensare che alcuni di noi accetterebbero una simile condizione, ad ogni modo però è sempre consigliata la massima attenzione nel momento in cui si accettano le condizioni iniziali di un qualsiasi servizio.

Anche se noioso, ricordate di leggere attentamente ogni cosa che andrete a firmare, i pericoli appaiono sempre dietro l’angolo (come nel caso delle liste IPTV).