WhatsApp addio chatUna notifica WhatsApp ha fatto sobbalzare gli utenti di fronte alla notizia peggiore di sempre. Viene annunciato ufficialmente l’addio alle chat per migliaia di utenti che non potranno fare nulla per inviare messaggi, vocali, foto, video e chiamate video ai contatti. A causa di recenti problemi si è deciso di abbandonare la barca con gli sviluppatori pronti a dire stop a gruppi e conversazioni private su alcuni dispositivi. Ecco cosa succederà tra qualche settimana.

 

WhatsApp: annunciata la dipartita delle chat, l’addio tra qualche settimana con gli utenti in lutto per le conversazioni perdute

Nel tempo gli utenti si sono sempre più aggrappati all’ideale WhatsApp. Oltre un miliardo e mezzo di persone picchettano sulle tastiere dei propri dispositivi Android e registrano messaggi ad amici, parenti e partner. Qualcuno rischia di restare indietro dopo la comunicazione di servizio che sta giungendo sotto forma di notifica ai telefoni di alcuni utilizzatori.

A partire dal mese di gennaio 2020 l’app non funzionerà più se non per osservare le vecchie conversazioni private e di gruppo con gli amici. Chi non potrà permettersi un dispositivo aggiornato resterà fuori dai giochi. Per questioni di sicurezza il direttivo Facebook ha preso la dura decisione di chiudere battenti. Per gli utenti Apple è necessaria una versione del sistema superiore ad iOS 8 mentre i seguaci del robottino verde dovranno fare in fretta ad aggiornare oltre Android 2.3.7. La mancanza di ROM ad hoc segnerà la sorte degli amanti delle chat verdi, che altro non potranno fare se non cambiare telefono.

Il team consiglia di procurarsi un terminale che equipaggi almeno Android 4.0.3, iOS 9KaiOS 2.5.1 o versioni successive. Per far fronte alle necessità di coloro che non possono permettersi grosse spese, alcune aziende costruttrici hanno rilasciato dispositivi economici compatibili con WhatsApp. Chi sceglierà di dire NO al nuovo update sarà costretto a rinunciare al proprio profilo. In caso contrario basterà verificare l’account per riavere indietro tutto insieme alle novità software che verranno proposte nel corso dell’anno.