intercettazioni su whatsapp backdoor

Sebbene WhatsApp abbia ribadito più volte che le sue chat crittografate non hanno alcuna backdoor, ed è noto come i server dell’app non memorizzino le chat, non tutto è protetto dai sistemi di sicurezza. Infatti, per coloro che non sono a conoscenza di questa possibilità, WhatsApp raccoglie metadati da tutti gli utenti, e tali possono essere richiesti dalle forze dell’ordine se effettuata attraverso un ordine della magistratura.

Ufficialmente ci sono poche informazioni sui metadati che raccoglie WhatsApp, ma alcuni casi di cronaca in cui è intervenuto il tribunale, sostengono che le informazioni evidenti sl nostro ci sono tutte: numeri di cellulare, tipo di dispositivo usato, tipo di rete mobile, numeri di persone contattate sulla chat, dati sulle pagine web visitate tramite l’app, tempo e durata delle chat, indirizzi IP, posizione e contatti.

 

Le chat Whatsapp non saranno intercettate, ma i nostri dati sì

Quindi, quando ci dicono che un’app di messaggistica o un social network sono sicuri dal punto di vista della privacy, pensiamo cinque minuti di più su cosa può ottenere la polizia dai metadati di WhatsApp. Si è detto del nostro nome, numero di cellulare, indirizzo IP, posizione, rete mobile e il tipo di smartphone.

E se l’account di Facebook ha una sorta di campanello d’allarme quando viene sondato da qualcuno o scandagliato dal governo, WhatsApp non offre alcun servizio in merito. Per questo, Il gruppo internazionale per i diritti digitali senza scopo di lucro, chiamato The Electronic Frontier Foundation, ha valutato il punteggio basso del popolare servizio di messaggistica proprio sulle organizzazioni tecnologiche con politiche pubbliche pro-utente.