L’anno scorso Elon Musk ha deciso di illuminare una giuntura in onda durante il podcast di Joe Rogan. E mentre la sua faccia rossa da sbuffo è una foto divertente da usare ogni volta che si pubblica un post su di lui, i partner di Musk alla NASA non erano entusiasti del fatto che questo tipo di buffoneria dell’erba fosse associato ai viaggi nello spazio.

Insieme a Musk che ammonisce pubblicamente, la NASA ha lanciato un sondaggio per determinare se SpaceX ha una cultura accettabile con la quale continuare a lavorare. Quell’indagine finì per costare alla NASA cinque milioni di dollari, ovviamente presi dai contribuenti.

Secondo quanto riferito, la NASA ha ordinato una revisione della sicurezza di due partner aerospaziali sotto contratto per far volare gli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale.

La valutazione di Boeing e SpaceX, che durerà mesi, inizierà il prossimo anno ed esaminerà “tutto ciò che potrebbe avere un impatto sulla sicurezza”, ha dichiarato la NASA. La recensione è stata suggerita dalla recente apparizione del CEO di SpaceX Elon Musk in una registrazione podcast dal vivo con il comico Joe Rogan.

Tra avere un’impressione di Neil deGrasse Tyson e interrogare il capo di Tesla e SpaceX sul futuro delle automobili, Rogan ha consegnato all’imprenditore un contundente pieno di tabacco e marijuana.

Il singolare successo di Musk è diventato la controversia ascoltata in tutta la nazione.

 

NASA: le controversie con SpaceX e il proseguimento dei progetti

A seguito della trasmissione in diretta a settembre, le azioni Tesla sono scese di oltre il sei percento e il responsabile della contabilità dell’azienda si è dimesso dopo un mese di lavoro.

Ci sono state persino speculazioni su un’indagine dell’Aeronautica statunitense, considerando che SpaceX ha contratti con la filiale militare e ha accesso a informazioni classificate sui satelliti governativi.

Ma mentre l’Air Force non sembra agire, la NASA agisce.

Siamo entusiasti di lanciare ancora una volta astronauti americani su missili e veicoli spaziali americani dal suolo americano“. “Siamo concentrati su missioni di equipaggio commerciale sicure e di successo presso la Stazione Spaziale Internazionale“.

Bridenstine ha “molta fiducia nel team SpaceX”. Il suo razzo Falcon 9 da corsa ha recentemente ottenuto l’autorizzazione “Categoria 3” per lanciare le missioni scientifiche più costose e con la massima priorità della NASA.

Ma sa anche che “la cultura e la leadership iniziano dall’alto.”

Tutto ciò che porterebbe a mettere in discussione la cultura della sicurezza, dobbiamo risolvere immediatamente“, ha aggiunto.

SpaceX, nel frattempo, ha ribadito in una dichiarazione al giornale che “il volo spaziale umano è la missione principale della nostra azienda”.

Non c’è nulla di più importante per SpaceX di questo sforzo e prendiamo sul serio la responsabilità che la NASA ci ha affidato di trasportare in modo sicuro e affidabile gli astronauti americani da e verso la Stazione Spaziale Internazionale“, ha affermato l’azienda.

Tuttavia, questo non è esattamente il momento migliore per Musk.

L’ex presidente della Tesla ha recentemente accettato di pagare una multa di 20 milioni di dollari come parte di un accordo con la Securities and Exchange Commission.

E non dimenticare la causa per diffamazione intentata contro di lui da un volontario di soccorso che lavora per salvare i bambini catturati in una grotta tailandese, che Musk ha definito “pedo” e “stupratore di bambini”.

La recensione “piuttosto invasiva”, secondo l’amministratore associato della NASA per l’esplorazione umana William Gerstenmaier, sarà condotta dall’ufficio dell’agenzia per la sicurezza e l’assicurazione della missione.