Gli astronomi hanno recentemente utilizzato un gigantesco ammasso di galassie. È stato rilevato come lente d’ingrandimento a raggi X per individuare per la prima volta una minuscola galassia nana a forma di stella.

Il team, che è stato in grado di “tornare indietro nel tempo” a circa 9,4 miliardi di anni fa, ha rilevato la minuscola galassia nana. Questa stava vivendo i suoi primi stadi ad alta energia di formazione stellare. I cluster di galassie sono stati precedentemente sfruttati per ingrandire gli oggetti a lunghezze d’onda ottiche. Questa è la prima volta che gli scienziati hanno usato i cluster di galassie per esaminare distanti fenomeni di emissione di raggi X nello spazio.

 

Astronomi: le scoperte che hanno fatto durante questo studio

Circa 1 / 10.000 delle dimensioni della nostra Via Lattea, la galassia nana appare come un granello blu e sta sfornando le sue prime stelle. I ricercatori hanno rilevato questi oggetti di breve durata sotto forma di un arco blu brillante. Il team ha pubblicato i risultati sulla minuscola galassia nana sulla rivista Nature Astronomy.

È questa piccola sfumatura blu, il che significa che è una galassia molto piccola che contiene molte giovani stelle super piccanti e molto grandi che si sono formate di recente”, afferma Matthew Bayliss, ricercatore del Kavli Institute for Astrophysics and Space Research del MIT. “Questa galassia è simile alle primissime galassie che si sono formate nell’universo … il tipo di cui nessuno ha mai visto prima ai raggi X nell’universo distante.

I cluster di galassie emettono una grande quantità di raggi X, quindi potrebbe essere difficile rilevare oggetti, come singole galassie, dietro di loro senza l’attrezzatura adeguata. Tuttavia, il team è stato in grado di superare questa sfida con la lente di ingrandimento a raggi X.

Se stai cercando di vedere una sorgente di raggi X dietro un cluster, è come provare a vedere una candela accanto a una luce davvero brillante“, spiega Bayliss. “Quindi sapevamo che questa era una misurazione stimolante da fare.”