Bollo auto

Da diversi anni a questa parte il Bollo Auto continua ad essere un argomento molto cruciale nelle discussioni tra forze politiche e cittadini. É diverso tempo, infatti, che gli automobilisti italiani richiedono l’abolizione di questa tassa ma, purtroppo, non ottengono ciò che desiderano; nel corso della durata dei diversi governi presieduti in Italia, le forze politiche hanno permesso più volte risoluzione in merito a tale pagamento, lo stesso Luigi di Maio, lo scorso anno, aveva affermato che il bollo auto sarebbe potuto essere presto abolito ma così non sembra visto che si parla persino di aumenti imminenti.

Bollo auto: l’abolizione è ben lontana sì, ma eventuali aumenti sono più che vicini

il Bollo Auto è quella tassa che assoggetta tutti i possessori di una vettura, indistintamente che questa sia un ciclomotore, un’automobile o un mezzo di lavoro. Denominato così poiché, in tempi remoti, doveva essere esibito sul cruscotto proprio come un bollo, tale tributo ha subito ben poche modifiche nel corso del tempo. Sicuramente tra queste non rientra l’abolizione e del motivo dietro tale avvenimento è molto semplice e si manifestano gli introiti che il bollo auto genera ogni anno nelle casse dello Stato. Questi ultimi, infatti, ammontano a circa 6 miliardi di euro; pensare quindi che il bollo possa essere eliminato è abbastanza utopistico visto che compensare tale entrata diventerebbe un vero e proprio problema economico.

Ad aggravare la situazione, inoltre, giunge anche notizie che il tributo potrebbe presto diventare soggetto di aumenti andando a peggiorare ancora di più la situazione già persistente.