L’inquinamento luminoso non è solo un problema sulla Terra: per gli astronauti che sbirciano da una finestra della Stazione Spaziale Internazionale, le luci della città appaiono più luminose delle stelle.

Per affrontare il problema della luce artificiale nel cielo notturno, l’Agenzia spaziale europea (ESA) chiede ai cittadini scienziati di aiutare a identificare le immagini delle aree metropolitane prese dal cosmo.

Gli archivi della NASA Astronaut Photography of Earth sono pieni di immagini ad alta risoluzione del nostro pianeta dal tramonto all’alba. La maggior parte delle istantanee, tuttavia, non sono catalogate e non hanno una posizione assegnata.

 

Inquinamento luminoso: come essere più consapevoli di ciò che sta accadendo

È stato fondato Lost at Night, un progetto che aumenta la consapevolezza dell’inquinamento luminoso. Più di 30.000 immagini sono state classificate da volontari. Ma è necessario ulteriore aiuto per completare il puzzle.

Non sappiamo in quale direzione gli astronauti hanno puntato la telecamera dalla Stazione“, ha dichiarato l’investigatore capo del progetto Alejandro Sánchez de Miguel, un ricercatore dell’Università di Exeter. “Sappiamo solo il tempo impiegato e l’area della Terra su cui volavano.

Il sito web di Lost at Night invita le persone ad aiutare a trovare la migliore corrispondenza per ogni immagine del problema..

Dimentica di giocare a Candy Crush nei periodi di inattività“, ha detto Sánchez de Miguel. “Questa è una grande opportunità per conoscere la geografia, la distribuzione delle attività umane e come appare la tua città dallo spazio.

Le persone commettono errori, però. Pertanto, questa iniziativa richiede l’input di cinque utenti per immagine per ridurre il margine di errore. Da lì, l’intelligenza artificiale prende il sopravvento.

L’obiettivo è identificare 90.000 immagini, sufficienti per addestrare l’IA a riconoscere automaticamente una raccolta di pixel e individuare le immagini.