meteoriti-estinzione

L’universo continua ad essere da tantissimi anni il protagonista principale di numerosi studi e analisi da parte di scienziati e ricercatori; i punti interrogati sono svariati, ma con il passare degli anni riescono a fare dei passi in avanti grazie alla tecnologia avanzata e attrezzature all’avanguardia.
Tantissimi sono gli scienziati affascinati dai meteoriti e, per l’appunto, negli ultimi mesi hanno effettuato diversi studi su di essi e sulla loro pericolosità verso la Terra; per il momento non si hanno informazioni concrete a riguardo, ma la NASA (National Aeronautics and Space Administration) e l’ESA ( Agenzia Spaziale Europa) continuano a condurre diversi studi a riguardo.

In questi ultimi anni diversi meteoriti hanno sfiorato il nostro Pianeta e alcuni anche di rilevante importanza e dimensioni, ma diversi astrofici sembrano non stupirsi più di tanto; in particolare, Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope ha commentato: “oramai abbiamo grandi e diverse frequenze di passaggi ravvicinati e c’è la percezione diffusa che siano aumentati. I passaggi sono da sempre gli stessi solo che oggi siamo più abili nel rivelarli e documentare il passaggio di diversi oggetti cosmici che fino a qualche anno fa sarebbero sfuggiti alla rete degli osservatori.

Meteoriti: ecco quelli più pericolosi

Secondo le ricerche effettuate dalle due principali agenzie spaziali precedentemente citate, c’è un meteorite che potrebbe essere una reale minaccia per la Terra; si tratta di un immenso ammasso di materia astrale denominato 2008SR1 con un diametro tra duecentotrenta metri e un chilometro.

Purtroppo però non si hanno notizie specifiche a riguardo, ma gli scienziati hanno rivelato che il loro principale obiettivo adesso è quello di trovare una soluzione per salvaguardare la Terra da queste probabili minacce.